Scopri tutti i tesori del nostro territorio

Sant’Anna Arresi: Ai confini tra Sardegna e Jazz 2015

SANT’ANNA ARRESI JAZZ 2015 – LA.GU.NA. IN JAZZ
Escursioni, laboratori, mostre, workshop
Dal 1 al 6 settembre 

Sant'Anna Arresi JazzQuest’anno il Festival Internazionale di musica Jazz che si tiene a Sant’Anna Arresi e intitolato Ai confini tra Sardegna e Jazz 2015, è arrivato alla sua trentesima edizione, un momento storico importante da celebrare. Dalla collaborazione tra l’Associazione Punta Giara (organizzatrice del festival) e Destinazione Sulcis nasce questo progetto legato al territorio in cui il festival si svolge da 30 anni, alle sue risorse e ai suoi prodotti.
Un programma di eventi che ruoteranno tutti intorno ad un luogo geografico che è la Laguna di Porto Pino, e alle sue principali risorse naturali e culturali.
Il Progetto “LA.GU.NA. in Jazz”, acronimo di Laboratori, Gusto e Natura, prevede quindi una serie di eventi suddivisi in tre tipologie: Escursioni, LaboratoriMostre e Workshop che per tutta la settimana del festival si alterneranno nel territorio per far conoscere le peculiarità della laguna sotto i vari aspetti: storico, naturalistico, antropologico. Tutti gli appuntamenti si svolgeranno intorno alla laguna e saranno svolti nel rispetto dell’ambiente, delle persone e degli animali.

ESCURSIONI
La parte escursionistica sarà incentrata sulla conoscenza degli aspetti naturalistici, geologici e morfologici degli stagni e del territorio limitrofo, dalla laguna ai vigneti che la circondano e che rappresentano con le loro produzioni di Carignano un’
eccellenza enologica; fino ad arrivare all’altra risorsa che nasce dal mare di Porto Pino cioè la salina e il sale. Le escursioni tematiche a piedi saranno un modo attivo di conoscere il nostro territorio, adatte a tutti e saranno guidate da un esperto.

LABORATORI
I laboratori nascono per entrare in contatto diretto con ciò che la natura ci offre e che spesso ignoriamo, ma anche per educare al riutilizzo dei materiali considerati “rifiuti”. Saranno quindi dedicati principalmente ai prodotti raccolti dalla terra e elaborati secondo la tradizione popolare, ma anche alla sensibilizzazione sul tema del consumo e del riciclo.

MOSTRE, WORKSHOP E READING
Mostra e workshop: la fotografia naturalistica in laguna come strumento di conoscenza e promozione del territorio sarà il tema del workshop di fotografia naturalistica a cui verrà associata una mostra fotografica.
Reading: i reading letterari “Storie di erbe e di sale” saranno associati alle escursioni e ai laboratori e saranno dedicati al cibo, al vino e alla sua storia. I luoghi del reading saranno spazi all’aperto caratteristici ed insoliti del territorio.

Programma dettagliato

Escursioni tematiche

1) Mercoledì 2 settembre ore 9.00
Escursione “Geotrekkino” trekking geologico – naturalistico a Porto Pino
a cura della Coop. Destinazione Sulcis.
Escursione geologico naturalistica guidata dalla geologa Ponziana Ledda lungo il promontorio di Porto Pino. Un percorso costiero che ci racconterà le ere geologiche attraverso le pieghe delle rocce,la storia antica e recente, le numerose cave di arenaria di epoca romana, passando per la Batteria Candiani risalente alla seconda guerra mondiale e la splendida pineta a pino d’Aleppo.
2) Sabato 5 settembre ore 16.00
Escursione in salina “Tra la laguna e il sale” con aperitivo
a cura della Coop. Destinazione Sulcis e Atisale Spa.
La salina di Sant’Antioco oltre ad essere un importante sito industriale di produzione attiva di sale marino, è anche un’area di notevole pregio naturalistico e ambientale, habitat ideale per numerose specie dell’avifauna, quali aironi, fenicotteri, anatre e falchi di palude. Anche la flora di questi ambienti salmastri è particolare: tra le specie più diffuse vi sono le diverse varietà di salicornia, la canna di palude, a specie protette come il fungo di Malta.
Guidati dalla geologa Ponziana Ledda vi accompagneremo lungo un itinerario che si snoda sugli argini della laguna fino ad arrivare alle montagne bianche di sale alla luce del tramonto, quando il sole crea spettacolari riflessi e suggestivi giochi di luce.
Il punto d’incontro sarà presso la Salina ingresso Loc. Cortiois (lato San Giovanni Suergiu); al termine dell’escursione è previsto un aperitivo in cantina offerto dalla Cantina Mesa.
3) Domenica 6 settembre ore 16
Escursione tra i vigneti del Carignano del Sulcis con aperitivo
a cura della Coop. Destinazione Sulcis e Cantina Mesa
Accompagnati dalla geologa Ponziana Ledda cammineremo lungo un percorso che si snoda tra le vigne in località Monte Margiani, , visiteremo un forno per la produzione della calce attivo fino alla fine degli anni ’50, attraversando i vigneti che vivono sul terreno sabbioso, potremo ammirare numerosi resti fossili, e testimonianze della presenza dell’uomo fin dalla civiltà nuragica tra cui il nuraghe Sarri. Al termine dell’escursione è previsto un aperitivo offerto dalla Cantina Mesa.

Chi è Ponziana Ledda:
Nata a Sant’Anna Arresi dove vive e lavora, laurea in Scienze geologiche con una tesi sul territorio costiero di Porto Pino, qualifica di Tecnico del turismo ambientale, Guida Ambientale Escursionistica Iscritta al Registro RAS. Da due anni è Presidente della Cooperativa Destinazione Sulcis che si occupa di turismo sostenibile nel Sulcis-Iglesiente. Appassionata di trekking, speleologia e fotografia, è l’ideatrice di questa rassegna. “Imparare a conoscere la natura è il primo passo per rispettarla, iniziamo a camminare lungo questa strada”.

Laboratori

1) Dal 1° al 6 settembre Loc. Candiani Porto Pino
Laboratorio sulle erbe spontane e il loro uso nella tradizione popolare sarda.
Reading “Erbe e poesie”.
A cura di Gianpaolo Demartis, Calarighe libera scuola di erboristeria popolare Sarda.
I laboratori sulle erbe ci insegneranno a conoscere gli usi erboristici e commestibili delle piante spontanee della Sardegna attraverso lezioni teoriche, laboratori ed escursioni per il riconoscimento diretto sul campo. Impareremo a preparare olioliti, tinture madri, creme e unguenti medicinali, a riconoscere le piante eduli per la preparazione di insalate, zuppe, tisane e altre ricette antiche sarde.

Chi è Gianpaolo Demartis:
Gianpaolo nasce a Sassari, è un uomo timido e umile, di una fisicità imponente che contrasta a prima vista con queste caratteristiche; è difficile darne una definizione, alcuni lo chiamano “esperto, altri “maestro” ma solo conoscendolo si può apprezzare la persona senza nessuna etichetta. Comunica la sua passione per la natura con semplicità e originalità, trasmettendola a chiunque sia disposto ad ascoltare. La sua storia non ve la raccontiamo, perché vogliamo che sia lui a raccontarvela. Oggi continua a studiare le piante e a recuperare un sapere antico dagli anziani di tutta l’isola. Porta la sua conoscenza in giro per la Sardegna con la “Libera scuola di erboristeria popolare Sarda”.
2) Martedi 1 e mercoledi 2 ore 15.00 Località Candiani Porto Pino.
Laboratorio sul riciclo “Tutto si crea nulla si butta”
Due giorni di laboratorio aperto a grandi e piccoli per educare al riutilizzo dei materiali considerati “rifiuti”e per mettere alla prova la propria creatività.
Il riciclo è un atto semplice di civiltà e di salvaguardia delle risorse naturali, ma anche una forma mentis che va coltivata fin dalla più giovane età. Comprendere tale concetto da bambini, meglio se in modo stimolante e divertente, è un primo passo per consolidare uno stile di vita attento alle tematiche ambientali, in particolar modo all’ecologia.

Workshop e Mostre

1) Giovedi 3 e venerdi 4 settembre
Workshop di fotografia naturalistica con Simone Sbaraglia.
Scopo del workshop, è fornire ai partecipanti un’ampia prospettiva sulla comunicazione ed il linguaggio fotografico, con particolare riferimento alla fotografia naturalistica. L’enfasi del workshop non è tanto sugli aspetti tecnici della fotografia quanto su come esprimere la propria visione e comunicare le proprie emozioni con un’immagine fotografica, qualunque sia l’attrezzatura e la competenza tecnica. Verranno illustrate le regole base del linguaggio fotografico e della composizione tramite un gran numero di esempi volti a stimolare la discussione tra gli studenti e il docente. I partecipanti apprenderanno come evidenziare il contenuto emotivo e comunicativo delle proprie immagini, come posizionare accuratamente gli elementi nel fotogramma allo scopo di comunicare nel modo più efficace possibile il proprio messaggio. Particolare attenzione verrà posta all’utilizzo di luce, colore, forme e geometrie per dirigere l’occhio dell’osservatore e concentrarne l’attenzione, in particolar modo con riferimento alla fotografia di
paesaggio e macro.
La fotografia è emozione, sentimenti e desiderio di condivisione. Questo workshop si prefigge di mettere i partecipanti in condizione di comunicare queste emozioni e sentimenti in modo più efficace, con immagini più incisive.

Chi è Simone Sbaraglia:
Simone Sbaraglia è un fotografo naturalista, inviato delle riviste Oasis e Natura, ed ha realizzato reportage negli angoli più sperduti del pianeta.
Romano, con una formazione da matematico, dopo aver lasciato un prestigioso lavoro di ricerca negli USA, Simone rientra in Italia nel 2005 per dedicarsi alla fotografia.
Da allora viaggia costantemente nei cinque continenti per documentare la bellezza, l’armonia e la fragilità del nostro pianeta, nella speranza che possa essere preservato per le generazioni future, ha realizzato reportage sulle specie ed ecosistemi a rischio in Nord e Sud America, Europa, Canada, Alaska, Africa e Asia.
Quando non è in viaggio ai confini della terra, Simone insegna fotografia, conduce workshops e viaggi fotografici e tiene seminari e proiezioni.
Le fotografie di Simone Sbaraglia hanno ricevuto i più importanti riconoscimenti internazionali e sono state esposte in Italia, Francia, USA e Canada.
Consultare la pagina News & Awards per i molti riconoscimenti tributati al lavoro di Simone.
2) Mostra fotografica “Le aree umide del Sulcis Iglesiente”
Chiesa vecchia – Piazza del Nuraghe
La mostra nasce grazie al progetto Zoumate realizzato dalla Provincia di Carbonia Iglesias, ed è normalmente esposta all’Osservatorio multimediale sulle zone umide del Sulcis Iglesiente a Carbonia. L’osservatorio vuole focalizzare l’attenzione
sull’educazione ambientale e la tutela delle zone umide del territorio, intendendo accrescere il livello di conoscenza, sensibilità e consapevolezza sull’importanza di queste aree, la cui ubicazione è diffusa nel sud ovest sardo, tra lagune, stagni e saline. In questa speciale occasione la mostra diventa itinerante e arriva a Sant’Anna Arresi in occasione del progetto LA.GU.NA. in Jazz.
3) Reading: “ Storie di erbe e di sale”
narrazioni libere a cura di Calarighe e Destinazione Sulcis.
Reading: I reading letterari saranno associati alle escursioni e ai laboratori e saranno dedicati al cibo al vino e alla sua storia. I luoghi del reading saranno spazi all’aperto caratteristici ed insoliti del territorio.

Autore

Scrivi un commento

*

Completa il Captcha *

Questo sito o gli strumenti terzi utilizzati dal sito si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Le informazioni sul tuo utilizzo del sito sono condivise con Google e altri siti partner. Proseguendo la navigazione o scorrendo lungo la pagina acconsenti all'utilizzo dei cookie. Ulteriori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi